Parrocchia di Castelletto di Leno (Bs)

Supplemento Bollettino n. 139

Supplemento n° 139 al BOLLETTINO PARROCCHIALE – Domenica 12 aprile 2015

Carissimi fedeli di Castelletto,

abbiamo celebrato con solennità la Settimana Santa e la Pasqua. Sono stati giorni intensi di celebrazioni e di passaggio della grazia di Dio nella nostra comunità.

Sono doverosi i ringraziamenti:

– alla Corale, che ha accompagnato le numerose celebrazioni, con una costanza lodevole;

– ai sacristi, Maria ed Emanuele, con l’aiuto di Martina per il lavoro non indifferente di preparazione quasi giornaliera della Chiesa;

– ai chierici Albino (dal Perù) e Centus (dalla Nigeria), per aver prestato servizio e guidato i gruppi dei chierichetti, confratelli e apostolini;

– a don Jackson (dal Kerala – India), che per una settimana è sempre stato a disposizione per l’ascolto delle confessioni, ministro della misericordia infinita del Signore;

– a don Luca Paitoni, predicatore nelle tre sere delle SS. Quarantore, che ci ha reso più vicino il Signore Gesù nella SS. Eucaristia;

– a don Gino Regosini, che è stato sempre presente alle celebrazioni domenicali serali, che abbiamo festeggiato la sera delle Palme, 29 marzo, giorno del suo 63° anniversario di Ordinazione Sacerdotale e che (combinazione della Provvidenza!) ha celebrato la S. Messa sullo stesso altare della sua Prima Messa!

In settimana abbiamo fatto la tradizionale Gita di Pasqua per i ragazzi – martedì 7 aprile 2015 – alla Madonna Bruna di Oropa: ho voluto celebrare la S. Messa nella Basilica Antica, compiendo un affidamento delle nostre famiglie alla Vergine Maria. Tutti i gitanti – eravamo in 47 – nonostante fosse già suonato il mezzogiorno e gli stimoli dell’appetito si facevano sentire, hanno partecipato con attenzione e devozione alla celebrazione e alle preghiere, che alcuni hanno anche espresso ad alta voce. La giornata meravigliosa di sole e lo sfondo incantevole delle montagne innevate attorno al grande complesso mariano hanno reso la giornata ancor più gustosa.

Mai come negli ultimi anni la famiglia è insidiata e minacciata dal nemico di Dio e degli uomini: quante famiglie sono a rischio! Lo sappiamo tutti. Nell’ano che stiamo trascorrendo tra un Sinodo dei Vescovi e l’altro, entrambi sulla famiglia, abbiamo pregato per le famiglie più giovani, per i fidanzati che si sposeranno quest’anno, per le famiglie che stanno aspettando un bambino o che ne hanno appena ricevuto il dono dalla Provvidenza, per i fidanzati che hanno paura del matrimonio e fanno scelte moralmente contrarie alla legge di Dio, per le famiglie che soffrono dov’è presente un ammalato grave… e perché si rinnovino speranza e fiducia in chi l’ha perduta. Il clima sereno dei partecipanti ha reso meno pesante il lungo viaggio di andata e ritorno in pullman. Grazie all’ottima organizzazione di Franco e delle mamme presenti, grazie alle quali non manca proprio mai niente!

Otto giorni dopo Pasqua (il 12 aprile) celebriamo la Domenica della Divina Misericordia – voluta ufficialmente da San Giovanni Paolo II dopo la Canonizzazione di Santa Faustyna Kowalska (avvenuta durante l’Anno Santo del 2000), che quest’anno assume un rilievo del tutto eccezionale, in quanto in marzo il Santo Padre ha dato l’annuncio di un Giubileo Straordinario “all’insegna della Divina Misericordia”. Proprio sabato 11 aprile è stata diffusa dalla Santa Sede la Bolla d’indizione del Giubileo “Misericordiae vultus”. L’anno Santo si aprirà l’8 dicembre 2015 e si concluderà il 20 Novembre 2016. Il Papa ha già espresso alcune sue intenzioni assai precise di come desidera si possa svolgere quest’anno speciale per la Chiesa e per il mondo intero, anche con qualche proposta “inedita”…

Guardando avanti:
dopo la Messa e la Benedizione di mercoledì sera del Gruppo di Padre Pio, in cui presenterò in modo più dettagliato la proposta del pellegrinaggio inter-parrocchiale (con Gottolengo) nella seconda metà di agosto, che prevede un’interessante tour (= viaggio) religioso-culturale con méta più lontana San Giovanni Rotondo ed il Santuario di San Michele sul Gargano, siete tutti invitati a partecipare alla Catechesi di mercoledì sera, preparando l’elezione ormai imminente del Consiglio Pastorale, sul tema:

“Presiedere e consigliare nella comunità: i consigli parrocchiali”. Sarete tutti invitati sabato sera e domenica 19 aprile prossimo, ad esprimere il proprio voto, indicando i consiglieri che vi sembrano più adatti ad affiancare il Parroco nel consigliare e decidere dell’andamento pastorale-spirituale della comunità locale.

Mi sembra che abbiamo ancora molta strada da fare, tutti, e non solo a Castelletto, nella direzione della corresponsabilità, in nome del Battesimo (in cui tutti siamo diventati, ad immagine di Cristo: sacerdoti, re e profeti) lanciata come una positiva innovazione dal Concilio Vaticano II, concluso 50 anni fa, proprio l’8 dicembre 1965.

Non vorrei dire spropositi, ma vorrei insistere nella mia impressione, ormai ampiamente supportata da numerosi fatti e da quasi venticinque anni di ministero parrocchiale, che è ancora molto, troppo diffusa una mentalità clericale tra le comunità, che non può più assolutamente essere sostenuta, pena una repentina ed inesorabile scomparsa delle comunità cristiane stesse!

Sono certo che nessuno di voi desidera uno sfacelo così disastroso; eppure le situazioni generali, a livello culturale, locale e mondiale, che sono in continua evoluzione in un’accelerazione vertiginosa e fino a pochi anni fa imprevedibile, la caduta a progressione geometrica dei valori morali e civili, specialmente tra le generazioni più giovani, non ci permettono di dormire ulteriormente sugli allori, come si dice…

Accompagneremo con la nostra preghiera l’incontro ufficiale del Santo Padre col Presidente della Repubblica Italiana, onorevole Sergio Mattarella – sabato 18 aprile prossimo.

Inoltre, domenica prossima, 19 aprile, terza di Pasqua, si celebra in tutta Italia la Giornata dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Esprimo le felicitazioni più belle a diversi giovani – ragazzi e ragazze – della nostra Parrocchia, che negli ultimi mesi hanno discusso la tesi di laurea o lo faranno prossimamente, alcuni di loro proprio come studenti alla Cattolica. Fu l’intuizione di Padre Agostino Gemelli e di alte menti illuminate di laici ed ecclesiastici del primo Novecento a volere inizialmente a Milano ed ora anche in altre città, fra le quali Brescia, una scuola universitaria, quindi ai vertici più elevati, che potesse contribuire alla preparazione delle menti e dei quadri dirigenti della Società e della Chiesa, nel passato recente, per il presente e per il prossimo futuro. Proprio per questo non possiamo che essere particolarmente addolorati per la strage terroristica del 2 aprile scorso avvenuta in Kenia, al Campus universitario di Garissa (vicino ai confini con la Somalia) che in poche ore ha falciato quasi duecento studenti, cristiani (tra l’altro) potenziali menti e guide del loro popolo. Anche i perversi sanno che i popoli si possono dominare e spaventare meglio se vengono lasciati nell’ignoranza e privi dell’istruzione di base e di quella universitaria.

Infine: ancora domenica prossima 19 aprile avrà inizio l’Ostensione della Sacra Sindone – a Torino fino al 24 giugno, che vedrà anche la partecipazione straordinaria del Papa, che viene ad onorare la figura meravigliosa e sempre attuale di San Giovanni Bosco, a duecento anni dalla nascita (avvenuta il 16 agosto 1815). Anche noi andremo il 29 maggio prossimo a venerare la reliquia più preziosa e misteriosa al mondo, celebrando la Messa al Santuario della Consolata e visitando l’Ausiliatrice e Superga. Prima non mancheremo di onorare anche l’urna con le reliquie insigni della Beata Paola Gambara, che dal 12 aprile al 3 maggio prossimo saranno esposte nella Basilica di Verolanuova, in un giorno ed orario che verrà fissato prossimamente.