Parrocchia di Castelletto di Leno (Bs)

Supplemento Bollettino n. 124

Supplemento n° 124 al BOLLETTINO PARROCCHIALE – Domenica 19 ottobre 2014

Carissimi fedeli,

ecco un aggiornamento sugli ultimi quattro incontri principali in Zona, in Parrocchia e in Oratorio.

 

VERIFICA ICFR – MANERBIO

Martedì 30 settembre scorso i sacerdoti della nostra macro-zona, con i catechisti rappresentanti (uno per Parrocchia) si sono incontrati col Vescovo, Mons. Luciano Monari, al Politeama di Manerbio, in merito alla VERIFICA del cammino dell’INIZIAZIONE CRISTIANA dei fanciulli e dei ragazzi (chiamato in sigla: ICFR) in atto da una decina di anni nella Diocesi di Brescia. In particolare, tale verifica si svolgerà a tre livelli, per ogni Parrocchia, nei mesi di ottobre e di novembre:

1 . Iniziamo col Consiglio Pastorale, chiamato a rispondere ad una lunga serie di domande, già distribuite dal segretario ai consiglieri nei giorni scorsi. Ci incontreremo e confronteremo lunedì 20 ottobre p.v. alle ore 20.30 in Sala Chiara.

2 . All’inizio di novembre sarà il momento del secondo livello, quello dei catechisti, che uniranno il loro lavoro previo nell’incontro di mercoledì 5 novembre p.v. alle ore 20.30 in Sala Chiara.

3 . Attorno alla metà di novembre infine affronteremo il terzo livello: quello dei genitori degli ultimi due anni dell’ICFR (gruppi Emmaus ed Antiochia – cioè quinta elementare e medie). Vedremo di proporre un incontro unico per tutti, al quale possono partecipare anche i genitori che hanno già terminato negli anni scorsi il percorso ICFR (che hanno adesso i figli in prima Superiore).

Una volta raccolti, i dati parrocchiali locali saranno trasmessi all’ufficio competente incaricato della Diocesi, supportato nell’elaborazione statistica dall’Università Cattolica di Brescia, che li presenterà al Vescovo e che in seguito saranno resi noti a tutti.

Anche se l’insieme delle operazioni è abbastanza impegnativo, spero che possa trovare un riscontro e un’adesione positiva da parte degli interpellati:

A) per rispondere ad una richiesta del Vescovo; B) perché la verifica torni utile anche a tutti coloro che sono stati coinvolti attivamente nell’iniziativa.

 

CONSIGLIO PER GLI AFFARI

ECONOMICI

Nella riunione di giovedì 2 ottobre ci siamo confrontati sui seguenti argomenti “economici” della Parrocchia:

1 . Dal 22 agosto scorso abbiamo a disposizione il mutuo autorizzato dal Consiglio Diocesano per gli Affari Economici, aperto presso il Banco di Brescia; il 22 settembre abbiamo già iniziato a corrispondere la prima quietanza mensile. L’impegno ha durata per cinque anni.

2 . Danni: a causa di due sinistri di notevole entità (che ci costano complessivamente oltre 20.000 euro!) stiamo ancora aspettando i risarcimenti dall’ENEL (per le fulminazioni dell’impianto in Chiesa del 26 dicembre 2103) e dalla MAA-Milano Assicurazioni (anche per il fulmine del 26 luglio 2014, che ha bruciato il computer delle campane). S’è valutato di appaltare la sistemazione delle campane e dell’orologio della torre ad una ditta specializzata (di cui abbiamo in mano un progetto d’intervento e preventivo) appena rientrerà qualcosa dai risarcimenti che aspettiamo. Intanto ci rassegniamo a vedere l’orologio che segna sempre la stessa ora e a far funzionare le campane con diversi limiti (manca ad esempio l’angelus al mattino; non si possono suonare le campane ad allegrezza e alcune volte i sacristi devono far partire manualmente i programmi all’orario stabilito…)

3 . Assicurazione – Da alcuni mesi, viste le attuali coperture limitate dei massimali in essere, verificati in occasione della festa dello sportivo, s’è chiesto un preventivo ad altra compagnia, che si adotterà, in quanto i massimali garantiti nelle polizze (per incendio – responsabilità civile ed infortuni) sono molto più alti di quelli attuali e i premi più contenuti!

4 . Continua la generosità dei castellettani per le nostre opere in modo costante e lodevole. Alle Messe domenicali vien sempre dato un puntuale riscontro delle iniziative e delle offerte raccolte. Questa generosità ci permette di guardare alla chiusura di bilancio 2014 senza eccessiva preoccupazione. Qualcuno chiede di pubblicare anche qualche elenco puntuale delle spese (ad esempio quelle delle forniture di luce e gas…). Può essere un’idea interessante. Vedremo…

 

CONFRATERNITA DEL SS.mo

SACRAMENTO (Confratelli)

Ci siamo incontrati martedì 7 ottobre u.s. per fare il punto della situazione. È lodevole che un gruppo di uomini si presta per il servizio liturgico in alcune celebrazioni importanti e durante le processioni. Il “boom” iniziale entusiasta di tre anni fa ha ceduto il passo alla fatica della costanza e alla continuità nell’impegno e, come spesso avviene, le file si sono progressivamente assottigliate. Ci piacerebbe ora potenziare il nostro gruppo – costituito oggi da una decina di elementi attivi – con le forze di qualche papà dei bambini e ragazzi che frequentano l’Oratorio e di un paio o due di giovani (almeno maggiorenni). Alcuni ci stanno pensando. Siamo ottimisti. S’è confermato all’unanimità il priore nella persona di Luigi Crotti e s’è scelto, per acclamazione unanime il nuovo vice-priore: Giovanni Folli, entrambi “operai” della prima ora.

Il gruppo propone, a partire dal 7 novembre p.v., un’ora di Adorazione Eucaristica aperta a tutti il primo venerdì del mese, dalle ore 20 alle 21, come abbiamo sperimentato con frutto in una serata della Settimana Mariana. Ci piacerebbe essere supportati e affiancati anche dai nostri ministri straordinari della Comunione, ai quali estendiamo l’invito.

 

GRUPPO ANIMAZIONE

Appuntamento giovedì 16 ottobre u.s. in Oratorio a scopo organizzativo. S’è previsto a grandi linee un programma d’iniziative che s’estende su tutto l’anno pastorale in corso: il calendario è abbastanza corposo! I primi appuntamenti particolari in programma saranno lo spettacolo musicale “Zucchina d’argento” sabato 25 ottobre e la castagnata, prevista per domenica 9 novembre prossimo.

A partire da settembre avrete visto che alcune mamme, ragazze giovani e qualche papà si alternano in cortile, in teatro, nel campo sportivo o al bar nel pomeriggio domenicale dalle ore 16 alle 18 circa, per proporre o sorvegliare alcuni giochi o intrattenimenti per i piccoli. Questo favorisce le coppie di genitori che ogni domenica a rotazione hanno un incontro di formazione ICFR e dà la possibilità di fare “Oratorio festivo” oltre i momenti istituzionali del catechismo già previsti. Alcune iniziative prossime saranno organizzate col supporto o la collaborazione degli altri gruppi dell’Oratorio o di singole persone che ci aiuteranno, sicuri che l’unione fa la forza. I responsabili del gruppo continuano ad essere Franco Ongari e Mara Capuzzi Patini, affiancati da alcune nuove mamme: sono le benvenute! Siamo quasi una ventina di persone in elenco, comprese le ragazze più giovani e contiamo che presto altri possano unirsi a noi “in cordata” per darci una mano.

 

Carissimi parrocchiani,

avete sentito “cosa bolle in pentola”. Ricordiamo ora alcuni eventi speciali di questi giorni che ci riguardano.

 

BEATIFICAZIONE di PAPA PAOLO VI –

GIOVANNI BATTISTA MONTINI

Don Angelo Maffeis, Presidente dell’Istituto Paolo VI di Concesio, in vista della beatificazione del 19 ottobre, ha ricordato alla Radio Vaticana:

“Paolo VI ha ereditato il Concilio Vaticano II che il suo predecessore, Giovanni XXIII, aveva convocato. Credo che a distanza di 50 anni si percepisce in maniera nitida la complementarietà di queste due personalità: Giovanni XXIII che ha avviato il Concilio e Paolo VI che lo ha portato a termine. Paolo VI ha guidato l’assemblea conciliare a redigere i documenti, ha cercato di creare le condizioni perché i padri si esprimessero con assoluta libertà, ma al tempo stesso arrivassero a concordare, a giungere ad un’unanimità – almeno morale – sui documenti che venivano redatti. Paolo VI ha interpretato questo Concilio come un esame di coscienza che doveva affinare la consapevolezza della Chiesa, della propria identità, della propria missione e rinnovare, di conseguenza, il modo di proporre il messaggio evangelico, le strutture e i modi di agire della Chiesa…”

Domanda – Come sappiamo, Evangelii Nuntiandidi Paolo VI viene considerato da Papa Francesco il più importante documento di magistero sulla pastorale scritto finora. Quali altri elementi di contiguità, di particolare sintonia, ritrova tra Francesco e Paolo VI?

Don Maffeis – Credo che sia felice questa cerimonia di Beatificazione di Paolo VI che coincide con la conclusione dell’assemblea straordinaria del Sinodo dei Vescovi. Il Sinodo dei Vescovi è un’istituzione che Paolo VI ha voluto come continuazione di quel confronto all’interno del corpo episcopale che nel Vaticano II aveva trovato una sua espressione molto alta, ma che doveva trovare le vie per esprimersi anche nella vita ordinaria della Chiesa.

L’esortazione Evangelii Nuntiandi, unisce Papa Francesco a Paolo VI nella consapevolezza del grande tesoro che la Chiesa ha ricevuto (il Vangelo) e che deve proclamare con assoluta fedeltà, ma al tempo stesso la sensibilità per la situazione contemporanea, per la cultura, per la realtà sociale in cui la Chiesa si trova a compiere la sua missione…

 

GIORNATA MISSIONARIA MONDIALE

Il primo impegno per tutti, nessuno escluso, è quello della preghiera per le Missioni. L’intenzione affidata dal Papa all’ADP (Apostolato della Preghiera) per il mese di ottobre recita:

“Per l’evangelizzazione: perché la Giornata Missionaria Mondiale risvegli in ogni fedele la passione e lo zelo di portare a tutto il mondo il Vangelo”.

Papa Francesco ci ricorda che questa Giornata è un momento privilegiato in cui i fedeli si impegnano con preghiere e gesti concreti di solidarietà a sostegno delle giovani Chiese nei territori di missione. E precisa che si tratta di una celebrazione di grazia e di gioia:

–       di grazia, perché lo Spirito Santo, mandato dal Padre, offre saggezza e fortezza;

–       di gioia, perché Gesù Cristo, Figlio del Padre, inviato per evangelizzare il mondo, sostiene e accompagna la nostra opera missionaria.

Maria, Donna piena di grazia e Fonte della nostra gioia, ci insegni l’entusiasmo di vivere e portare il Vangelo a tutti, sempre e dovunque.

Siamo invitati alla generosità: domenica 19 ottobre per le Missioni, alle quali daremo tutto quello che si raccoglierà nelle buste e nelle elemosine alle SS. Messe.

Molti si lamentano della crisi… ma io vedo: quanti sprechi (alcuni anche vergognosi!). Se il Signore ci ha dato di più è proprio per essere generosi con chi ha meno…

La nostra preghiera continua anche nella Veglia Missionaria di venerdì 24 ottobre alle ore 20.30 in Chiesa a Milzanello (per le quattro Parrocchie della nostra futura unità pastorale).

 

FESTA PER I CENTO ANNI

DI DON NINO TRECCANI

Monsignore sarà nostro ospite lunedì 20 ottobre. Celebreremo la S. Messa alle ore 15.30 in Chiesa e seguirà il taglio della torta in Oratorio da parte del festeggiato, che darà inizio ufficiale alla merenda. Il suo desiderio era di “tornare a Castelletto e di poter mangiare una fettina di torta in Oratorio”: per questo noi ed i suoi parenti siamo lieti di poterlo accontentare.

I più anziani ricorderanno che don Nino fu curato dell’Oratorio di Castelletto per undici anni, dal 1938 al 1949: sono stati gli anni più duri per tutti, quelli della Guerra.

Nel 1938 l’Arciprete di Castelletto era don Giovanni Barchi, che l’anno successivo fu nominato Prevosto di Gambara; lo sostituì don Giuseppe Bettinazzi, che fu il secondo Arciprete di don Nino, dal 1939 in avanti.

L’ultimo curato prima di don Nino era stato don Luigi Mancini, nativo anch’egli di Castelletto, rimasto da noi poco più di un anno e dal 14 ottobre 1936 passato Parroco a Bargnano. Il curato che sostituì don Nino invece fu don Paolo Barchi, a Castelletto dal 1951 al 1962.

La festa per don Nino continuerà venerdì 24 ottobre, giorno del 100° compleanno di Monsignore, a Orzinuovi, dove abita dal 1962 e dove nei primi 29 anni è stato Arciprete. Nella Chiesa Parrocchiale di Orzinuovi alle ore 15.30 sarà addirittura il Vescovo, Mons. Luciano Monari, a presiedere la Messa Solenne concelebrata con Monsignore; alla Casa di Riposo, dove risiede, si concluderà infine la festa assieme agli ospiti e al personale del Pio Luogo.

Don Gianluca