Parrocchia di Castelletto di Leno (Bs)

Supplemento Bollettino n. 113

Supplemento n° 113 al BOLLETTINO PARROCCHIALE – Domenica 4 maggio 2014

MESE MARIANO e ROSARIO

San Giovanni Paolo II, grandissimo devoto di Maria Santissima, Lui che nello stemma episcopale aveva inserito la lettera “M” di Maria ed il motto “Totus Tuus” in riferimento proprio a Lei, così confidava nella sua Lettera Apostolica “Rosarium Virginis Mariae” (del 16 ottobre 2002 – al n° 2):

Io stesso… non ho tralasciato occasione per esortare alla frequente recita del Rosario. Fin dai miei anni giovanili questa preghiera ha avuto un posto importante nella mia vita spirituale…

Il Rosario mi ha accompagnato nei momenti della gioia e in quelli della prova. Ad esso ho consegnato tante preoccupazioni, in esso ho trovato sempre conforto… il 29 ottobre 1978, ad appena due settimane dall’elezione alla Sede di Pietro, quasi aprendo il mio animo così mi esprimevo:

Il Rosario è la mia preghiera prediletta. Preghiera meravigliosa! Meravigliosa nella sua semplicità e nella sua profondità…

E al n° 41 della stessa Lettera insegnava:

La famiglia che prega unita, resta unita. Il Santo Rosario, per antica tradizione, si presta particolarmente ad essere preghiera in cui la famiglia si ritrova. I singoli membri di essa, proprio gettando lo sguardo su Gesù, recuperano anche la capacità di guardarsi sempre nuovamente negli occhi, per comunicare, per solidarizzare, per perdonarsi scambievolmente, per ripartire con un patto di amore rinnovato dallo Spirito di Dio.

Molti problemi delle famiglie contemporanee, specie nelle società economicamente evolute, dipendono dal fatto che diventa sempre più difficile comunicare. Non si riesce a stare insieme, e magari i rari momenti dello stare insieme sono assorbiti dalle immagini di un televisore.

Riprendere a recitare il Rosario in famiglia significa immettere nella vita quotidiana ben altre immagini, quelle del mistero che salva: l’immagine del Redentore, l’immagine della sua Madre Santissima. La famiglia che recita insieme il Rosario riproduce un po’ il clima della casa di Nazareth: si pone Gesù al centro, si condividono con lui gioie e dolori, si mettono nelle sue mani bisogni e progetti, si attingono da lui la speranza e la forza per il cammino…

 

CRESIMA e PRIMA COMUNIONE

Accompagniamo con la preghiera i nostri amici e le loro famiglie:

Francesco, Filippo, Michele, Giulia, Nicolò, Andrea, Davide, Pietro, Mar e Riccardo nel giorno più bello della loro vita, quello dell’incontro con Gesù Eucaristico nella Prima Comunione e nel giorno della Cresima, nella quale ricevono lo Spirito Santo con i suoi sette doni.

L’augurio è che possano sempre aver vicino persone adulte educanti e positive, che li aiutino a conoscere meglio il mondo complesso in cui viviamo, sempre in “comunione” col Signore che ci accompagna e non dimentica mai nessuno.

 

BOLLETTINO e BUSTE

Mercoledì 7 maggio alle ore 18 sono a disposizione per la distribuzione in canonica i nuovi Bollettini con le buste per la festa patronale della Santa; ringrazio le incaricate, le quali sono sempre pronte nel passare da porta a porta, anche più volte. Spero che voi, fedeli, possiate continuare ad essere generosi con la vostra Parrocchia: i lavori “straordinari” fatti, come avete visto, sono tanti e inevitabilmente costosi.

Qualche abbellimento fa piacere a tutti, ma incide su un bilancio parrocchiale già precario.

Ringrazio le numerose persone che collaborano costantemente e sostengono economicamente le nostre attività. Il Signore benedica e ricompensi con la gioia i cuori più generosi e sinceri.

Don Gianluca